the day after – TARANTO e MATERA INSIEME PER IL 2019 ….. E OLTRE

Intenso, proficuo e partecipato l'incontro promosso presso i saloni della Provincia. 

Ingrato il compito di Massimo Calò, in qualità di timekeeper, che ha preceduto i saluti del portavoce dell’associazione Gianni Liviano e dell’arcivescovo di Taranto, s.e. Mons. Filippo Santoro. Un breve spazio di saluto anche per un rappresentante degli studenti del liceo Archita di Taranto, occasione propizia per porre all’attenzione del pubblico, lo stato di difficoltà in cui versa il prestigioso liceo tarantino da lungo tempo ormai, a causa del protrarsi dei lavori di ristrutturazione della sua antica sede, il Palazzo degli Uffici.
 Obiettivo della serata: iniziare insieme a Matera ECOC 2019 un percorso di comunità che approdi allo sviluppo di una progettualità condivisa, in cui il capoluogo ionico possa far valere e mettere a disposizione anche degli amici lucani le sue bellezze paesaggistiche, culturali e le (intra)strutture in fase di auspicato potenziamento (porto, ferrovia, aeroporto). In tal senso è apparso importante l’intervento del presidente dell’autorità portuale di Taranto, il quale ha confermato l’impegno dell’Istituzione da lui condotta e riconosciuta da più parti anche per il suo ruolo di coordinatore dei porti regionali di Puglia. 
 
Documentazione Video e fotografica

 
 

L’impegno va infatti nella direzione di sviluppare il grosso bacino logistico della retroportualità, senza escludere l’avvio di rotte e itinerari crocieristiche e turistiche, in modo assolutamente complementare e non concorrenziale con gli altri due porti adriatici della nostra regione.

Tra gli interventi di saluto anche quelli del consigliere provinciale Dante Capriulo e dell’assessore comunale Cosa, entrambi riconoscenti il
fondamentale ruolo propulsivo dell’associazione La Città che Vogliamo, già quasi due anni fa nell’avviare il percorso di candidatura di Taranto e, oggi, nel tessere questa relazione con la città di Matera, portatrice a sua volta di un disegno condiviso da tutta la regione Basilicata. Dai loro due interventi è anche emerso il rinnovato interesse per le infrastrutture del capoluogo ionico, aeroporto della terra ionica (Grottaglie) compreso, per agevolare i flussi turistici e commerciali con quello lucano. Un auspicio per il prosieguo delle attività è stato anche lanciato dal Prof. Nicola Baldi, coordinatore del progetto di candidatura di Taranto 2019, sottolineando come di fatto quello che inizia oggi, come del resto doveva essere nelle intenzioni iniziali, possa essere lo sviluppo di una vision che renderebbe operativa e vincente anche Taranto, pur se non aggiudicataria del prestigioso riconoscimento europeo. Insomma, quel percorso opportunamente intrapreso più di un anno fa da un gruppo di persone, trova oggi maggior compimento e un senso che consente di non vanificare quanto prodotto nell’arco di alcuni mesi.
 Da sottolineare la partecipazione in collegamento via skype del dott. Paolo Verri, che oltre a coordinare le attività di Matera 2019 è incaricato anche della direzione degli eventi di EXPO 2015 a Milano. Da lui una piena disponibilità a collaborare, a fare del “noi" il pronome preferito per lo sviluppo di tutto il progetto Matera 2019 e, soprattutto, una immediata proposta pratica: incontrarsi da subito nel 2015, per iniziare a tracciare insieme le tappe di questo nuovo percorso condiviso.
La città di Matera ha visto la partecipazione di due autorevoli referenti dell’amministrazione comunale e del progetto Matera ECOC 2019, l'Assessore Trombetta ed il Dott. Giordano del Comitato Scientifico di Matera2019, che insieme hanno raccontato le varie fasi del lavoro condotto e delineato lo spirito di costruzione di un nuovo itinerario da condurre insieme a Taranto e la Puglia, ipotizzando scenari, eventi e progetti condivisi, facendo delle differenze territoriali una ricchezza inclusiva e non una barriera ostativa.
Tra gli altri intervenuti, prima della chiusura del candidato presidente della regione Puglia del centrosinistra, l’ex sindaco di Bari Michele Emiliano, anche il presidente dell’associazione “Presenza Lucana” di Taranto, Michele Santoro.
(foto di Daniele Nuzzi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo non sarà pubblicato Campi obbligatori *

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.