11 Giugno – Interrogazione su Palazzo Amati

hqdefault

UN PALAZZO DA AMARE: palazzo AMATI.

Ill.mo Sig. Sindaco del Comune di Taranto

Ill.mo Presidente Taranto del Consiglio Comunale di Taranto

OGGETTO: Palazzo Amati.

I sottoscritti Consiglieri Comunali Sigg. Francesco Venere, Dante Capriulo, Gianni Liviano,

 PREMESSO CHE:
l’immobile di proprietà comunale in oggetto è uno dei palazzi più prestigiosi del Borgo Antico, affacciandosi sul Mar Grande ma con l’ingresso, con l’imponente portale, in Vico Vigilante. L’ultimo restauro risale alla fine degli anni ’70. Sino a qualche anno fa è stata la sede Universitaria del Corso di Laurea in Scienze della Maricoltura; poi quel corso fu soppresso ed il palazzo restituito al Comune; alcuni locali del piano terra sono stati  in passato adibiti a Museo del Mare con le esposizioni  di collezioni di prodotti marini e di attrezzi per la pesca.

 

CONSIDERATO CHE:
per quanto abbiamo potuto verificare l’edificio presenta lesioni murarie ed un diffuso degrado dei prospetti esterni; tale situazione è stata determinata, a nostro avviso, dal mancato svolgimento dei lavori di manutenzione ed ai reiterati atti vandalici di cui l’immobile è stato oggetto, unita al mancato utilizzo e custodia (tanto che finanche gli impianti tecnologici sono stati letteralmente depredati).

 

RITENUTO CHE:
Lo storico Palazzo Nobiliare è considerato un bene culturale del Sud Italia ed è stato anche inserito di recente nel bando Artistico e Culturale 2014 della fondazione “CON IL SUD”, che mette a disposizione della comunità somme  per la sua riqualificazione, ed in caso di assegnazione da parte della Fondazione “CON IL SUD” il Comune si è impegnato con propri fondi a farsi carico dei lavori necessari.

L’amministrazione comunale, con il Documento Programmatico di Rigenerazione Urbana (adottato con Delibera di Consiglio Comunale n. 45 del 2011) e con delibera di Giunta Comunale n. 191 del 2010 (volta alla redazione dell’originario Piano di Risanamento della Città Vecchia) ha espresso l’indirizzo del recupero dello storico palazzo nell’ambito della rigenerazione dell’intera isola.

 

CHIEDONO DI CONOSCERE:
quali interventi a breve intende porre in essere l’Amministrazione per tutelare Palazzo Amati, per porre fine al degrado in cui versa, al fine di favorirne il suo pieno recupero ed utilizzo, oltre alla tutela del bene pubblico.

 

Taranto lì 11 Giugno 2015

                                                 Il Gruppo consiliare Noi Democratici-per le città chevogliamo

                                                    Dante Capriulo Francesco Venere            Gianni Liviano   

 

Quotidiano di Taranto 13 Giugno 2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo non sarà pubblicato Campi obbligatori *

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.